non sei solo

Progetto SOPRoxi è nato nel 2006 da un’idea di Paolo Scocco, un medico psichiatra, psicoterapeuta della Clinica Psichiatrica dell’Università e del Dipartimento di Salute Mentale di Padova, che ancora lo coordina.

L’obiettivo del progetto è di fornire supporto alle persone che hanno vissuto il trauma e soffrono per il suicidio di un loro caro/amico/conoscente (sopravvissuti).

visita il sito www.soproxi.it

Ho iniziato a collaborare con questa associazione nel 2012, attraverso il mio lavoro di grafico e sostenendo gli utenti durante alcuni weekend residenziali.
Una preziosa occasione di crescita umana e professionale.

 

Tutto questo è possibile grazie all’impegno di persone sopravvissute o meno, che hanno messo a disposizione volontariamente la loro professionalità, esperienza e tempo:

  • Elena Toffol, psichiatra e psicoterapeuta;
  • Stefano Totaro, psicologo e psicoterapeuta;
  • Alessandro Ferrari, psicologo;
  • Cristina Castriotta, laureanda in psicologia;
  • Loriana Martin, consulente comunicazione grafica;
  • Silvia Facchini, psicologa e psicoterapeuta;
  • Luigi Zerbinati, psichiatra e psicoterapeuta ;
  • Manuela Guadagnini, laureata in psicologia e musicoterapeuta;
  • Francesca Bianchera, laureata in psicologia;
  • Margherita, insegnante;
  • Maria, maestra;
  • Anna Martini, traduttrice editoriale;
  • Valentina Drago, insegnante di italiano e guida turistica;
  • Suor Raffaella Acerbi, religiosa;
  • Tea Mareschi, psicologa.

e tutti gli altri volontari che negli anni hanno dato il loro prezioso contributo all’Associazione.

Alcuni dati, dal 2011 ad oggi

0
persone che hanno contattato per una valutazione dei livelli di sofferenza
0
persone seguite in psicoterapia
0
persone partecipato a gruppi di sostegno in chat
0
persone per le quali abbiamo accolto le storie e il dolore attraverso delle chat individuali
0
persone hanno partecipato a Panta Rhei, i nostri weekend residenziali di mindfulness